Pasaporte del Camino: la credenziale del futuro

Sento suonare il campanello. Il postino mi dice che c’è un pacco per me e io corro giù dalle scale perchè lo stato aspettando da qualche giorno. Il Pasaporte del Camino è finalmente nelle mie mani! Come ben sapete, il mio rapporto con il Cammino di Santiago è di vero amore e questo è come un certificato di matrimonio per me.

Un bellissimo regalo di Alfonso e Sergio Ruiz, totalmente inaspettato. La loro idea nasce nel 2017 quando, dopo 33 giorni di cammino, davanti alla Cattedrale di Santiago si trovano senza parole. Senza parole, ma con un’idea comune in testa: quella di creare il Pasaporte del Camino.

Preferisco avere un passaporto pieno di timbri che una casa piena di cose inutili.
Gianluca Gotto

Loro la vedono un po’ alla stessa maniera, così decidono di mettere nero su bianco i loro ricordi, indelebili nelle loro menti, ma meravigliosi in questo piccolo libricino.

Effetti a sorpresa e magia, questo è il Pasaporte del Camino

Il Pasaporte del Camino non è un semplice documento che attesta i km percorsi da Saint Jean Pied de Port a Santiago. Apparentemente semplice nella sua bellezza, prestando attenzione svela molti trucchi e segreti. Nella confezione era presente anche una penna a raggi UV. Apro le pagine, punto la penna e, come per magia, compaiono nuovi disegni. Un completamento a quello che è rappresentato nelle varie tappe del Cammino, un’integrazione a quello che non si può limitare a poche pagine.

Pasaporte-del-Camino
ph credits Pasaporte del Camino

Così, per incanto, appare la conchiglia di San Giacomo sotto l’augurio di un buon Cammino, il famoso Ultreia! Questi ragazzi la sanno davvero lunga e io mi sono commossa quando ho sfogliato le pagine. Ora non ho più scuse, e devo proprio organizzare il mio prossimo Cammino.

Le sorprese non finiscono qui. Il Pasaporte del Camino è ancora più interattivo di quanto ho scritto, ma per il resto, vi consiglio di visitare il loro sito ufficiale. Vivi, senti, scopri, ascolta, respira. Io ho deciso di seguire i loro consigli, prepariamo lo zaino?



16 commenti su “Pasaporte del Camino: la credenziale del futuro”

  • Ma sai che non conoscevo affatto questo passaporto??? Io ancora non sono riuscita a fare neanche un pezzetto dei vari cammini, ma se ti interessa quello portoghese magari ci organizziamo!!

    • Il portoghese è quello che avevo già organizzato nel 2020, ma poi sappiamo benissimo com’è andata a finire, quindi si!!

  • Deve essere stata per te una bellissima sorpresa, Il passaporto ti ricorderà ogni giorno le emozioni vissute durante il tuo cammino, non che tu non ne abbia custodito già i preziosi ricordi nel cuore. Complimenti … Prima o poi ci proverò anche io.

  • Non vedo l’ora di percorrere anche io il mio cammino di Santiago . Posso solo immaginare la tua emozione nel ricevere un passaporto che certifica l’impresa che hai fatto . Contentissima per te!

  • Amo tutto ciò che concerne i viaggi e i passaporti, tanto da avere il Passaporto della Lombardia, quello delle Dolomiti e quello dei Castelli del Ducato! Sono sicura che quando affronterò il cammino non mi farò scappare anche questo!

  • Mi piacerebbe fare questo percorso e forse un giorno realizzerò questo desiderio, ma non sapevo del passaporto, che trovo una bellissima idea

    • Molto interessante, anche perchè nasce proprio dopo aver compiuto questo percorso, quindi dall’esperienza stessa!

  • È dal 2015 che inseguo il sogno del Cammino di Santiago di Compostela. Seguo con ammirazione chiunque lo compia, raccolgo emozioni, provo a immaginare come sarà per me. In fondo è come se lo stessi già percorrendo. Quando sarà il mio momento tutte le esperienze accumulate in questi anni scorreranno davanti ai miei occhi e sarà bellissimo. Questo Pasaporte è obbligatorio!

  • Ma che idea splendida che hanno avuto!
    Può anche essere una sorta di premio dopo aver percorso almeno qualche chilometro di questo meraviglioso cammino

  • Ma che bel ricordo, questo è un passaporto speciale, non sapevo proprio dell’esistenza di questa vera e propria “chicca”.

    • Infatti è una super novità, ma credo che per gli appassionati del settore, possa essere davvero una bella scoperta!

  • proprio l’altro ieri si parlava del Cammino. E’ una di quelle cose che si DEVE fare almeno una volta nella vita..
    ho un’amico che lo ha fatto una trentina di volte e ha sempre qualcosa di nuovo da raccontare, rimango affascinata!
    non sapevo del passaporto…e non so nemmeno se questo mio amico ne è a conoscenza, glielo riferirò 🙂

    • Ammiro davvero il tuo amico! Un po’ è quello che vorrei fare anche io e spero davvero un giorno di riuscirci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *