Babylonstoren- un’oasi di pace a Città del Capo

Babylonstoren è un’istituzione in tutto il Sudafrica. Una delle più antiche fattorie in stile coloniale olandese, situata a pochi chilometri da Città del Capo. Nella valle di Franschhoek, tra i vigneti curati, è possibile ritagliarsi uno spazio genuino e completamente naturale.

Un viaggio indietro nel tempo

Entrare in questo immenso complesso è come fare un salto indietro nel tempo. Lo stile architettonico si rifà a quello coloniale boero del 1700, ma le ristrutturazioni subite negli ultimi anni, hanno reso Babylonstoren un capolavoro della biodiversità unico nel suo genere. È proprio questo il suo punto di forza, un regno dove il lusso incontra la natura nel rispetto e nell’autenticità.

Babylonstoren-vista-intorno
ph credits OutThere Magazine

Karen Roos, la proprietaria di Babylonstoren, ha investito tutte le sue risorse per dare vita ad un centro dove l’elegante hotel coesiste in simbiosi con i sentieri che percorrono in lungo e in largo i 200 ettari del sito. Tra le attrazioni principali della fattoria, spicca il giardino. I riferimenti storici non si sprecano in questo spazio, che richiama i mitologici Giardini Pensili di Babilonia. Magistrale esempio delle tradizioni agricole di Citta del Capo, riesce a far rivivere quelle che erano le antiche tradizioni commerciali della città, punto intermedio tra Asie e Europa. La presenza di specie proveniente da tre continenti, incrementa un patrimonio di per sé ricco e sviluppato. All’interno del giardino, una struttura a cupola ospita uno spazio esotico contenente spezie aromatiche provenienti da tutto il mondo.

Il ristorante a km 0

Tutti questi prodotti vengono utilizzati dal ristorante Babel, ospitato in quella che era la stalla della fattoria. Materie prime a km 0 e prodotti sani e genuini, sono cucinati in modo non sempre convenzionale, ma che sarà sicuramente in grado di stupire. La chiave del successo sta nella rigorosa ricerca della stagionalità: ogni piatto servito rispecchia il motto del ristorante ‘scegli, pulisci e servi’.

Babel-ristorante-babylonstoren

L’innovazione la si trova anche nella lettura del menù: gli antipasti sono elencati in base al colore, mentre le portate principali sono classificate in base al sapore ‘dolce e piccante’, ‘acido e salato’, ‘agrodolce’ e ‘umami’, aprendo le porte a gusti differenti e variegati. L’ex fienile olandese crea un’atmosfera suggestiva con una nota contemporanea, ma in chiave classica.

Se le vigne fanno da sfondo all’architettura moderna e ricercata di Babylonstoren, il vino è uno dei protagonisti di quest’esperienza. Le degustazioni nella struttura in vetro accanto alla cantina, oltre che a donare viste sensazionali, offrono la possibilità di provare i superbi vini sudafricani. La vita rurale è la padrona indiscussa della scena, è un ritorno alle origini, senza dimenticare gli agi del tempo attuale.

Babylonstoren-interni
ph credits Lee Web design

 



2 commenti su “Babylonstoren- un’oasi di pace a Città del Capo”

  • Vedendo l’immagine di copertina credevo che questo posto si trovasse in qualche località sperduta del nord Europa, poi ho letto titolo e articolo… non l’avrei mai detto che si trovasse in Africa.
    Il Sud Africa è un Paese che mi incuriosisce molto – anche se chi ci è stato mi ha detto che è un po’ pericoloso – e semmai dovessi andarci, terrò a mente il Babylonstoren.

    • Eh diciamo che io da sola non mi sono sentita molto sicura, ma posso dirti che è stata solo una sensazione e che non mi è mai capitato nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *